Lascia un messaggio e ricorda la netiquette! Post TèA  Archivio  Stampa pronostici  Inserisci Pronostici

 

venerdì 30 gennaio 2015 7.06.27
 Nick:

 Titolo: Duello tra i pali: a chi va la maglia titolare tra Borra e Mirarco?
 Commento:



In pole position è il baby, nonostante il flop di Cava de' Tirreni. I numeri sono per il leccese, ma l'ultima reazione non è piaciuta

Il dualismo è conclamato...

 

giovedì 29 gennaio 2015 7.05.18

 Nick:

 Titolo: Genchi non molla: «Ma serve più convinzione»
 Commento:



«Facciamo pochi gl perchè abbiamo paura di tirare in porta. Il modulo? Per le mie caratteristiche meglio il 4-2-3-1 del 4-3-3. Ora l'obiettivo è il secondo posto. Ciarcià tornerà utilissimo»

Beppe Genchi è tra le colonne...

 

mercoledì 28 gennaio 2015 7.37.16

 Nick:

 Commento:



Battistini ora cerca...

 

martedì 27 gennaio 2015 10.23.51

 Nick:

 Commento:

 

martedì 27 gennaio 2015 10.23.05

 Nick:

 Commento:

 

martedì 27 gennaio 2015 7.27.52

 Nick:

 Titolo: Segnali di discontinuità e sosta propizia
 Commento:



Battistini può conoscere meglio il gruppo. Contro la formazione lucana il nuovo tecnico ha rilanciato Mignogna per uno spento D'Avanzo e inserito Gaeta al posto di Giglio. Concessi due giorni di riposo. Pambianchi salterà Bisceglie, da verificare le condizioni di Porcino

E' partita nel migliore dei modi l'avventura di Pierfrancesco Battistini sulla panchina del Taranto. Il successo di misura sul Francavilla in Sinni, infatti, ha bagnato l'esordio del tecnico romano, scelto da Campitiello per rilanciare i rossoblù in questa seconda parte di stagione. «Sarei un presuntuoso ad affermare di aver già conosciuto a fondo il gruppo ed ecco perché le scelte iniziali sono state dettate dalla continuità del lavoro che era stato sin qui svolto». E' vero, dunque, che Battistini in partenza si è rifatto a quelle che erano le soluzioni suggerite dal suo predecessore, ma è altresì vero che nella ripresa, nel momento in cui la contingenza del match imponeva dei cambiamenti immediati per indirizzare una gara, che non intendeva sbloccarsi, Battistini ha agito in maniera del tutto differente da chi lo ha preceduto. L'inserimento di Mignogna, accantonato da Favo, al posto di D'Avanzo, ed il successivo avvicendamento tra Gaeta e Giglio sono mosse delle quali il nuovo tecnico rossoblù si è assunto la completa paternità, e che alla fine hanno pagato. Si è partiti, quindi, con il Taranto di Favo, per terminare con una squadra nella quale si è cominciato ad intravedere il marchio di fabbrica di Battistini. E la pausa del campionato in questo contesto, non potrà che accelerare l'opera di trasformazione (e si spera maturazione) di una squadra che offre ancora una sensazione diffusa di incompiutezza. In queste due settimane, infatti, tecnico e squadra avranno la possibilità di conoscersi meglio, di studiarsi a fondo, di stimarsi e piacersi e creare quel feeling necessario a centrare gli obiettivi fissati dalla dirigenza. Almeno il secondo posto per giocarsi i playoff da una posizione di partenza privilegiata, e magari fare più strada possibile per garantirsi un piazzamento che favorisca un eventuale ripescaggio. D'altronde, in sede di presentazione, era stato lo stesso presidente a fissare i paletti: «Se abbiamo scelto questo allenatore è perché con lui vogliamo puntare ad un progetto ambizioso, e non soltanto per colmare il vuoto di questi quattro mesi». Insomma, unità di intenti e fermezza nei propositi. Perché il futuro, in casa Taranto, è già cominciato. di Alfredo Ghionna

 

lunedì 26 gennaio 2015 12.49.56

 Nick:

 Commento:

 

lunedì 26 gennaio 2015 12.19.24

 Nick:

 Commento:

 

lunedì 26 gennaio 2015 11.27.06

 Nick:

 Titolo: CdB - Classifiche
 Commento:

*
Classifica di Giornata
*
1
Trieste Rossoblu'
5
2
DELFINO FUORISEDE
5
3
Lello
5
4
OFF SIDE
5
5
Bimbo.mix
4
6
F@P
4
7
Cuore Crepato
4
8
Redazione
4
9
099
4
10
Lino
4
11
SCAROL 76
4
12
Pirata
4
13
tommaso 63
4
14
scirocco
4
15
Magna Taras
4
16
giovanni2
4
17
com'è bello far…
3
18
FORZATARANTO75
3
19
Antonio Tarantino a NA
3
20
Max
3
21
pancrazio
3
22
NICOLA
3
23
dandimastercard
3
24
RDT 77
3
25
af
3
26
Granatiere
3
27
EMI ' 65
3
28
luigi rosssoblu'
2
29
carlito
2
30
oinot 65
2
31
Dany metal
1
32
AS Taranto
0
33
Tapae
0
34
XY
0
35
strider
0
36
cobra
0
37
sempre con te
0
38
PALAGIANELLO ROSSOBLU
0
39
ROCCOTELLI
0


*
CLASSIFICA GENERALE
*
1
scirocco
84
2
pancrazio
79
3
Lino
77
4
Dany metal
76
5
luigi rosssoblu'
76
6
Lello
76
7
FORZATARANTO75
75
8
Cuore Crepato
74
9
OFF SIDE
74
10
Max
73
11
tommaso 63
73
12
carlito
72
13
Bimbo.mix
72
14
RDT 77
70
15
dandimastercard
69
16
F@P
66
17
Antonio Tarantino a NA
65
18
NICOLA
65
19
Redazione
65
20
sempre con te
64
21
099
63
22
af
62
23
Granatiere
62
24
SCAROL 76
62
25
strider
61
26
Pirata
60
27
Trieste Rossoblu'
59
28
com'è bello far…
57
29
DELFINO FUORISEDE
54
30
Tapae
52
31
Magna Taras
51
32
AS Taranto
50
33
oinot 65
50
34
XY
37
35
EMI ' 65
36
36
PALAGIANELLO ROSSOBLU
27
37
ROCCOTELLI
12
38
cobra
6
39
giovanni2
4

 

lunedì 26 gennaio 2015 9.16.38

 Nick:

 Commento:

 

lunedì 26 gennaio 2015 9.15.41

 Nick:

 Commento:

 

lunedì 26 gennaio 2015 9.14.56

 Nick:

 Commento:

 

lunedì 26 gennaio 2015 9.13.54

 Nick:

 Commento:

 

lunedì 26 gennaio 2015 9.13.10

 Nick:

 Commento:

 

lunedì 26 gennaio 2015 7.28.50

 Nick:

 Titolo: Taranto modesto, ma Francavilla ko
 Commento:



In panchina esordio di Battistini che propone un modulo sbilanciato con 4 attaccanti incapaci di pungere. Ci pensa Genchi a risolvere la gara

La vittoria c'è. Ma la partita racconta una storia lontana dalla svolta (auspicata) e dagli ottimismi (residui). Il Taranto piega la resistenza del Francavilla in Sinni, venendo a capo di un confronto che non coincide con un nuovo inizio. L'arrivo di Battistini, che in settimana ha preso il posto dell'esonerato Favo, non porta il cambiamento sperato. C'è scossa psicologica. Mancano ridefinizione tattica e rinascita tecnica. Molto resta com'era: sospeso nel vuoto di un periodo involutivo. Il Taranto, per quanto si sforzi, è ancora in mezzo al guado delle proprie incongruenze. Attacca con poca convinzione. Elabora trame che spesso non hanno un nesso. Forse perché tanta vanità offensiva non trova adeguato riscontro a centrocampo, dove il gioco non incontra interpreti ispirati. A togliere il Taranto dall'imbarazzo di dover commentare un micragnoso pareggio, per giunto contro una squadra che dal 19' del primo tempo lotta con un uomo in meno (espulso Donnadio), è Genchi. L'attaccante, finalmente libero di poter fare la prima punta, sfrutta gli esiti sporchi di un corner, toccando di giustezza verso la porta spalancata. È il 37' della ripresa e il Taranto, stremato da un assedio inconcludente, dubita ormai di potercela fare. E, invece, il gol di Genchi tramuta la sofferenza in gioia e le difficoltà in sollievo. Il1 confuso arrembare assume improvvisamente un senso compiuto. Dà al Taranto il vantaggio a lungo inseguito, lasciando però intatta la sensazione di un'altra prova inespressa. Al Francavilla, al culmine della fatica, non resta che perdere. È la terza sconfitta consecutiva. La classifica si fa sempre più brutta. Il primo Taranto di Battistini è 4-2-4 (fase di possesso). Modulo che si realizza quando gli esterni di centrocampo (D'Avanzo e Gabrielloni) vanno in distensione, allineandosi agli attaccanti (Genchi e Giglio). Ma tanta audacia d'impianto non si traduce automaticamente in impatto offensivo. La manovra, infatti, scorre lenta. Manca il soffio della velocità. Scarseggia l'inventiva. Il Francavilla (4-2-3-1) per una ventina di minuti cerca di capire che partita può permettersi, lasciando che sia il Taranto ad orientare il gioco e a dosare i ritmi. Poi, abbastanza ingenuamente, Donnadio interviene da dietro e in ritardo su D'Avanzo, meritandosi il cartellino rosso. Un uomo in meno e troppi minuti davanti: ora il Francavilla sa che può solo fare massa. E sperare che basti. Lazic abbassa Pioggia, virando sull'inevitabile 4-4-1. È Picci l'unica punta. Il Taranto, esaurita la spinta iniziale, comincia a premere con discrezione. Lo scopo è quello di prendere il Francavilla dai lati. Ma invertire gli esterni non basta. Serve altro. E così il tempo scorre. E le occasioni sono rare. Gabrielloni incespica sul pallone. Oretti calcia da fuori. Marino alza sopra la traversa. D'Avanzo spedisce a lato. Evapora il primo tempo. Nella ripresa Battistini si gioca subito un cambio: dentro Prosperi, fuori Pambianchi (ammonito). Ma la sostanza rimane invariata. Mignogna per D'Avanzo è la mossa successiva. E qualche effetto si nota. Ma la porta di Scalese resta lontana. Non la inquadra Mignogna. Non la mette a fuoco Genchi. Il Francavilla comincia ad accarezzare l'idea del pareggio. Lazic inserisce Sperandeo (fuori Aleksic) e Gasparini (fuori Picci). Battistini pensa a Gaeta (fuori Giglio). Si va verso l'epilogo. Genchi provvede a spezzare l'equilibrio, trovando il gol che frantuma il pareggio (37'). Sperandeo prova invano a ripristinarlo, cogliendo di testa prima la traversa e poi il palo (49'). di Lorenzo D'Alò

 

domenica 25 gennaio 2015 21.35.12

 Nick:

 Commento:

Condivido in toto il commento di af. Anch'io penso che Ciarcià e Mignogna saranno i due rinforzi che ci consentiranno di raggiungere la piazza d'onore. Brindisi e Molinari permettendo.

 

domenica 25 gennaio 2015 21.22.24

 Nick:

 Commento:

 

domenica 25 gennaio 2015 20.57.39

 Nick:

 Commento:

 

domenica 25 gennaio 2015 20.53.32

 Nick:

 Commento:

 

domenica 25 gennaio 2015 20.48.44

 Nick:

 Commento:

 

domenica 25 gennaio 2015 20.48.14

 Nick:

 Commento:

 

domenica 25 gennaio 2015 20.47.38

 Nick:

 Commento:

 

domenica 25 gennaio 2015 19.51.35

 Nick:

 Commento:

importante la vittoria........
ora non conta il bel gioco, basta vedere l'andria vince giocando di mmmmmmerda.

FORZA TARANTO FINO ALLA FINE.






CIAO TOMMY 63

 

domenica 25 gennaio 2015 19.23.18

 Nick:

 Commento:

Importante era vincere. Sicuramente si poteva e doveva vincere meglio, ma forse meglio così. Questo Taranto può, nella mediocrità pazzesca di questo torneo, puntare al secondo posto. Utile per coltivare ambizioni di ripescaggio e per salvare la faccia a tutti. Meglio così perché funge da ulteriore richiamo all umiltà. Rassegnamoci a vedere un Taranto poco, pochissimo bello. Nn necessariamente e' un male, in questa categoria poi. Con un allenatore con Battistini, molto concreto sara' inevitabile. L ex Perugia ha nel carattere e nel leggere le partite in corsa le sue doti migliori. 
La sosta farà bene. Accorcerà il recupero di Ciarcia. Il vero rinforzo per questo Taranto. Il centrocampo lentissimo e piatto, inspiegabilmente centrato su Marsili (giocatore da anni 50), non può prescindere da lui. Il secondo rinforzo potrebbe essere Mignogna. Il buon Ciccio non e' più un attaccante di fascia, ma sicuramente rimane più incisivo di D Avanzo, mai decisivo. 

 

domenica 25 gennaio 2015 18.53.26

 Nick:

 Commento:

a questo taranto manca sempre un soldo per fare una lira. pur meritando sul campo la vittoria su un buon francavilla alla fine rischiavamo di portare a casa l'ennesimo pari

Pagina 2

Arrivederci in Lega Pro...

Recupero codice. Inserire indirizzo di posta: